I wanna be THIN.
I wanna be HAPPY.
I wanna be EVERYTHING.
But I am NOTHING.
"If you close the door

The night could last forever.

Keep the sunshine out

And say hello to never

All the people are dancing

And they're having such fun

I wish it could happen to me

But if you close the door

I'd never have to see the day again."

mercoledì 29 dicembre 2010

~47. Snow, snow, snow!!

Sono in diretta da una cittadina vicino Monaco, Isny. Sono a casa di una mia amica tedesca, sono arrivata ieri alle 2 (del pomeriggio, eh.) Ci sono 50 entimetri di neve, cinquanta!! E continua a nevicare! Che cosa stupenda.
Oggi andremo a Ulm e verrà anche suo fratello, Möritz. Penso proprio che starò bene, sì. Beh, non c'è granchè da dire, il viaggio è stato iper tranquillo, e così anche il viaggio in macchina per arrivare a Isny. Starò qui fino al Quattro, una settimana. E' una delle mie migliori amiche, quindi sì, starò proprio bene. E il fratello è decisamente carino xP
Una cosa buona è che qui non mangio molto, dato che Lisa è magrissima e solo a guardarla mi sento male. Quindi credo di stare attorno alle 1000 calorie al giorno, cosa PAZZESCA, rispetto alle mie abitudini degli ultimi mesi, da 2500-3000 calorie al giorno. Che schifo. Ma vabbè. Andrà meglio, già qui mangio meno. Great, isn't it?
Non so se riuscirò a scrivere nei prossimi giorni, in caso non ci riesca, auguro un bellissimo capodanno a tutte voi. Vi voglio bene :)
Küsse,
L.

domenica 26 dicembre 2010

~46. Somewhere over the rainbow...

Somewhere over the rainbow
Way up high
There's a land that I heard of
Once in a lullaby

Somewhere over the rainbow
Skies are blue
And the dreams that you dare to dream really do come true

Someday I'll wish upon a star
And wake up where the clouds are far behind me
Where troubles melt like lemon drops
Away above the chimney tops
That's where you'll find me

Somewhere over the rainbow
Blue birds fly
Birds fly over the rainbow
Why then, oh, why, can't I?

If happy little blue birds fly
Beyond the rainbow
Why, oh, why can't I?

Sentire Judy Garland che canta Somewhere over the rainbow nella versione originale del Mago di Oz è grandioso. Ma mi fa sentire una nullità. Boh, non so perchè. Forse perchè lei alla fine riesce ad arrivare oltre l'arcobaleno, forse perchè canta meglio di me, forse perchè è magra e bella..probabilmente per tutte queste cose messe insieme.
Ora sono qui nella mia ultima sera a Bruxelles.
I miei zii, per farmi una sorpresa, hanno portato a casa del cibo dal cinese, sapendo che l'adoro. Ne sono stata cosi' felice e al tempo stesso li ho odiati talmente tanto per quello che mi stavo per mettere a piangere. Oddio, se solo penso a quanto  ho mangiato, e quanto sto mangiando.. Mi faccio schifo, davvero. Ma da gennaio si ritorna a stringere, stringere, stringere. Dal 10 Gennaio io non dovro' assumere più di 700 calorie al giorno. Non esiste, sono diventata una botte. PUAH.
Stanotte alle 3 mi sono alzata e mi sono scofanata un po' della pasta avanzata di ieri sera più un dolcetto.
Oggi mi sono svegliata alle 10, ho fatto un tentativo di colazione abbastanza inutile, dato che il latte a lunga conservazione fa pena, e poi all'una abbiamo mangiato frittata di quella pasta, più del formaggio e le lenticchie.  Dopo di chè mamma stava meglio e quindi siamo usciti per Burxelles: ecco che arrivano i Churros, delle schifezze fritte con lo zucchero, e una birra -analcolica, ma sempre calorica-. Poi a cena il colpo di grazia; il cinese. Ma PERCHE' non so controllarmi, cavolo??
Uff..mi sale proprio lo sconforto quando sto cosi, ma non posso neanche chiamare una delle mie due migliori amiche perchè i miei sentirebbero dall'altra stanza, non so davvero che fare. Non posso neanche vomitare! Gr!
E vabbè.. domani ritorno a Napoli e dopodomani riparto per Monaco.. dove la famiglia della mia amica mi riempirà di tutto il possibile..ma almeno spero di divertirmi. Voi avete programmi per Capodanno?
Bisou,
L.

sabato 25 dicembre 2010

~45. And so, this is Christmas.

Eccoci qui, è Natale!
Io sono in diretta da una Bruxelles innevata, ma cosi' tanto che sembra di vivere in un paese fatato. I tetti, i giardini, i laghetti sono ghiacciati e innevati, e tutto prende un'aria più tranquilla e magica.
Sono arrivata qui due giorni fa, ma gia' vorrei viverci!!
Anche se l'arrivo è stato tragico, perchè dovevamo arrivare all'areoporto di Charleroi, ma c'era una tempesta di neve e siamo dovuti atterrare cento chilometri a sud-est, a Liegi. Povero zio che è dovuto venirci a prendere fin li'!! Da che dovevamo arrivare a casa alle 5, siamo arrivati alle 10. Le 10!!! Comunque, appena arrivati zia Chantal ci ha fatto trovare una buonissima e adorabilmente calda zuppa di cipolle -storcete pure i vostri bei nasini, ma è BUONISSIMA-, e dei rotolini di prosciutto e carne fatti al forno col formaggio.  Cerco di non pensare a quante calorie sto ingerendo, perchè tanto ormai sono una botte, e di certo iniziare una dieta durante le feste natalizie è alquanto stupido. No?
Poi, poi, poi..Il giorno della vigilia siamo andati un po' in giro per la citta': abbiamo camminato praticamente senza sosta per 5-6 ore, abbiamo mangiato una cosa per strada -io ho preso da un chiosco cinese degli spaghetti alla piastra che erano da dio..anche se mi ha fatto un piattone di almeno 150 gr :/ Dopodichè c'era una pista di pattinaggio sul ghiaccio e quindi mi sono incollata li' a pattinare e pattinare e pattinare -amo il ghiaccio; amo i pattini --> amo il pattinaggio sul ghiaccio! Dopo un'ora ce ne siamo andati e siamo tornati a casa degli zii -hanno una casa stratosferica, a tre piani con un giardino enorme -stamattina io e mio cugino abbiamo fatto un pupazzo di neve carinissimo :) e la mia camera è proprio nella mansarda, con un bagno tutto suo! La sera del 24 sono venuti parenti su parenti, eravamo in 21. Ho parlato inglese con i giovani, italiano con i miei cugini italo-belgi, e mi sono fatta insegnare qualche parolina en francais dai più anziani. Mia zia MarieRose poi, ha portato la sua cagnolina Fifi, che ha un anno; è troppo troppo troppo bella! E' un cavalier spaniel.
La cena era trè bonne, abbiamo mangiato le ostriche, che qui a Natale sono tradizionali, poi le lasagne, e infine il cotechino con le lenticchie, più i dolci che abbiamo portato noi da Napoli, gli struffoli fatti da mamma e quelli comprati.  
Insomma, sono stata bene, peccato per quelle dannate pillole che prendo che mi hanno fatto venir sonno alle 11! Ma ci rendiamo conto? Un motivo in più per voler guarire, si..
Oggi mi sono svegliata alle 11, abbiamo fatto colazione con una brioche tipica che si mangia la mattina di Natale, ho fatto il pupazzo di neve con papà e Gaetano -cugino- e poi abbiamo pranzato con gli avanzi di ieri; e il pomeriggio siamo andati da altri parenti. Li' è stata proprio l'apoteosi, infatti c'erano un sacco di bambini -non per  menzionare il CASINO che regnava in quella casa, tutta piena di coriandoli e giochi sparsi. Ho preso particolarmente a cuore uno dei bimbi, Alexandre, che ha un anno e mezzo: gli ho dato la frutta, abbiamo ballato le canzoncine, abbiamo "suonato" il piano e gli ho praticamente fatto un servizio fotografico xP
Si, sono stata bene..sono anche riuscita a fumare un paio di sigarette nascosta nel bagno in piedi sul water con la finestra aperta e la testa fuori in mezzo alla neve xD
Oh beh, che si deve fore por vivere en pasce! -finto accento franscese-
Domani probabilmente andiamo a Bruges, se a mamma passa la febbre -.-'' le è venuta oggi, uff.
Ma mi piacerebbe tanto!
Com'è stato il vostro Noel?
Un gros bisou à tous,
L.

mercoledì 22 dicembre 2010

~44. It's been a while..

Beh, è più di un mese che non scrivo.
Se dovessi dirvi perchè..beh, non lo so.
Ho solo pensato che fosse inutile continuare a scrivere..cosa sulla quale sono davvero in torto.
E quindi sono di nuovo qui, se c'è ancora qualcuno disposto a leggere..
Cos'è successo in un mese?
Uhm, tante, tante cose.
  • Ho preso peso; non riesco a smettere di mangiare, e anche se questo mi strazia, non riesco a smettere. Ora ho appena ingurgitato due fette di pizza, oltre agli spaghetti al sugo e all'insalata che mi spettavano. Me ne vergogno come una cagna. Ma questo è l'unico posto in cui me ne vergogno un po' meno, perchè so che potete capire.
  • Ho realizzato di avere due vere amiche, sulle quali posso contare -almeno per ora, poi si vedrà-, e anche se non ho ancora detto loro dell'autolesionismo, hanno reagito bene alla depressione e ai disturbi alimentari. Nel loro piccolo, cercano di aiutarmi, e mi staranno vicino.
  • Ho avuto un ragazzo..e qui è un po' triste. Lui è pazzamente innamorato di me, per me farebbe tutto, ma proprio tutto. Però..io mi sono resa conto di essere ancora stupidamente innamorata di un ragazzo, con cui ho una storia un po' complicata.  Lo conosco da otto anni, ci vediamo solo per le vacanze, a Marzo andai da lui a Caserta e prima che me ne andassi mi baciò. Io girai il volto. A fine agosto, mi baciò di nuovo. Stavolta ero decisamente più pronta, e ricambiai. Eravamo sul suo letto. Probabilmente voleva solo farsi qualcuna. Ma dissi di no, a quello, e dopo un po' tornammo dagli altri amici. Una settimana dopo, gli dico che mi piace. Mi dice che non prova lo stesso. Allora gli chiedo: "Perchè mi hai baciata?"  E cosa mi risponde?  "NON LO SO."
  • Non lo so ?!?!? Ma siamo fuori? A voi sembra normale? Quindi sono giunta alla conclusione che voleva sc*parsi qualcuna. E io ero la tizia di turno. Dopo due settimane torna con la sua ex -me l'aveva detto la sera che ci siamo baciati, che voleva ritornarci- e con lei sta ancora oggi. Non mi ha mai più contattata, io l'ho fatto un paio di volte ma abbiamo sempre parlato di cavolate. Comunque, quando ho iniziato a uscire con Giacinto, ho pensato che avrei potuto dimenticarlo con lui..niente di più sbagliato. Ogni volta che ci uscivo, mi sentivo sempre peggio, perchè l'unica cosa che avrei voluto, l'unica...era che Giacinto si trasformasse all'istante in Giuseppe *appunto, lui*. Quindi l'ho lasciato..Pensate, mi aveva anche fatto un ritratto. Ce l'ho ancora, a casa. Non ho il coraggio di buttarlo, è troppo bello, sento che sarebbe come un torto nei suoi confronti. Gli voglio bene, ma non posso stare con lui, mi fa stare anche peggio. Con me il "chiodo schiaccia chiodo" non vale.
  • Ho iniziato a fumare definitivamente, 4-5 sigarette al giorno. Non ne vado granchè fiera, ma appena la mia insegnante di canto noterà dei cali smetterò, perchè la mia voce rimane più importante di una stecchetta di tabacco.
  • Ho iniziato a bere di più. Ieri sera sono uscita con le mie amiche, e siamo andate a prendere l'"aperitivo". Beh, sia io che una mia amica, Roberta, prendiamo un Alexander. Buono. Lo finiamo, ci guardiamo e ci capiamo all'istante. "Cameriera, può portare due B-52?" Per fortuna è stata solo la prima volta in cui ho bevuto un po' troppo. Il B-52 è strapesante, non avrei dovuto. Ma mi andava, volevo sentirmi leggera come non mi sento ormai da troppi anni. Sono tornata a casa con un po' di nausea e la testa leggera e ovattata. San Cocktail. Il bello è che dopo avevo una cena con i miei cugini e mia zia col suo nuovo compagno, e anche i miei. Ma questo appartiene a un altro punto.
  • Non mi faccio più male in qualsiasi modo da...almeno due mesi e mezzo, e ne vado molto fiera. Per un po' ho anche sentito come se non ne avessi più bisogno, ma beh, sarebbe stato troppo bello per essere vero. Infatti appena ho avuto una brutta giornata...zac, ecco lì quel bisogno così forte, e acuto. Ma non ho ceduto. Vorrei saper essere così forte anche con il cibo. Comunque non mi azzarderò mai a credere di essere guarita finchè non saranno anni che non ne sento più il bisogno. Ma forse non è qualcosa da cui puoi guarire davvero. Non lo so, non lo so proprio.
  • I miei cugini:  Ho ripreso contatti con loro, mio cugino Vittorio abita in Sardegna, alla Maddalena, con mio zio, perchè lui lavora lì alla Marina. Ha la mia età, e fin da piccole io e mia cugina Velia lo mettevamo in croce coalizzandoci contro di lui. Beh, ora lo facciamo lo stesso, però scherzando, e lui lo sa. Siamo più che cugini, perchè mio zio è il fratello di mio padre e mia zia la cugina di mia madre. Siamo molto legati, anche se non ci vediamo spesso. Ieri sera ci siamo visti, perchè mia zia voleva farci conoscere il suo nuovo compagno. Riccastro. Beato lui. Abitano sopra Cavani, un giocatore del Napoli. Mi sono arrivate piogge di richieste di autografi appena l'hanno saputo. Ma dico io..è solo un tizio che prende a calci un pallone. Boh.
  • Questo Natale, sono molto eccitata per questo Natale. E' il primo che passo fuori dall'Italia, e soprattutto in famiglia. Di solito siamo con degli amici, perchè la parte della nostra famiglia che abita in Italia e i miei genitori non vanno granchè d'accordo. Ma quest'anno andiamo a Bruxelles, da zio Luciano e zia Chantal, e finalmente avrò un Natale innevato, e in famiglia. Anche se il cibo farà pena, zia Chantal non ha mai saputo cucinare.. Ma chissene! Magari riuscirò ad andare di nuovo sul cavallo di mia cugina, Shebà, sono anni che non la vedo. E' bellissima, bianca come la neve. Dopo Bruxelles torno a Napoli il 27 -parto domani- e il 28 riparto per Monaco di Baviera, da sola, perchè vado a stare a casa di una mia amica tedesca conosciuta in vacanza. Sto lì fino al 4, poi il 5 viene qui una delle mie migliori amiche, siciliana. Conosciuta in vacanza anche lei. Anche lei è autolesionista. Mi ricordo quando ci scoprimmo a vicenda. Eravamo in Irlanda, per una vacanza studio. Vidi che aveva una cicatrice da taglio sulla mano. Ascoltai la sua scusa, "era andata a sbattere contro un chiodo che le aveva lacerato la pelle". Non mi convinceva. Quindi dissi "ho delle cicatrici quasi uguali a quella che hai sulla mano" E mi tolsi la felpa. Mi guardò, la guardai, e disse "sicura di essertele fatte cadendo in una porta a vetri?" e io "si." lei : "cos'è Un Urlo Rosso Sangue?"  Io: "Un libro sull'autolesionismo" e lei: "Ho vinto."  Poi ci abbracciammo, e passammo il resto della vacanza sempre insieme -anche se non isolandoci dagli altri-. 
  • L'11 Dicembre sono andata al concerto di Ligabue, che è stato molto bello, anche se NIENTE rispetto a quello dei Green Day a cui sono andata l'anno scorso..e , NOTIZIONE, ho i biglietti per i My Chemical Romance a marzo a Milano! Sono la mia seconda band preferita e aspetto dal 2007 che vengano qui in Italia. Ancora non riesco a crederci!!
  • I miei voti sono decisamente calati, un po' perchè non riesco a studiare, un po' perchè la voglia sembra proprio avermi abbandonata. Ma devo riprendermi la media, cavolo, devo studiare in Inghilterra!!
    E insomma, queste sono le novità dell'ultimo mese..di alcune vado fiera, di altre decisamente meno, ma eccole qui..
    Un bacio a tutti con le scuse più assolute per non esserci stata per così tanto tempo!!!

    L.

    martedì 16 novembre 2010

    ~43. Flu.

    Influenza!
    Non riesco a tenermi nello stomaco neanche le fette biscottate, cosa che mi rende particolarmente felice.
    Sabato mattina mi sono fatta venire a prendere a scuola e da allora sono rimasta a casa..tranne domenica, perchè una mia amica era venuta dalla sicilia e volevo vederla. Niente scuola, il che vuol dire piacevoli mattinate da sola.. a leggere, guardare telefilm e dormire. Ovviamente nessun'amica ha chiamato per chiedere come stavo..non che me l'aspettassi, però...c'è sempre un po' di speranza, no?
    Incredibile che non ho scritto qui per una settimana..mi dispiace tantissimo. Ma ora eccomi qui!
    Quest'ultima settimana è stata abbastanza..mm..sì, normale.
    Più o meno.
    Per quanto possa essere normale una settimana che la sottoscritta vive.
    Mercoledì sono andata dal nutrizionista, che ha detto che devo riuscire a controllare meglio quello che mangio..ma che sto comunque dimagrendo. Molto molto piano, ma dimagrendo. Mi ha messa di buon umore, anche se vorrei dimagrire più in fretta. Ma credo che l'influenza stia aiutando. Oh, sì.
    Giovedì psicologa, e lei pensa che io stia migliorando. Mi ha tolto mezza pillola da quelle che devo prendere giornalmente..se mi ha tirata su? Mah...io non sono così sicura di stare migliorando. Spesso sto male, e...mi sembra sempre di stare peggio. Ma forse è solo una mia impressione, forse sto davvero migliorando.
    Fatto sta che un giorno mi sembra di morire, un altro di essere sul punto di essere felice, e un altro ancora non so più nulla, ma mi sembra semplicemente di sopravvivere.
    Sul fronte amiche, nessuna novità..è sempre lo stesso. Una qualunque, sono una qualunque. Quella ragazza di cui ho parlato la settimana scorsa si interessa ancora a me, e le sono molto grata.. ma a me mancano le mie amiche, le prime con le quali mi sono aperta, ho parlato. Quelle che mi hanno detto che sarebbero state mie amiche, non importa cosa sarebbe accaduto. Non posso fidarmi delle persone, se quelle a cui ho dato più fiducia mi hanno tradito così. E mi sento anche in colpa, perchè, in fondo, quello che dicono è che è stata soprattutto colpa mia. Sono stanca, stanca..e non so più cosa pensare.
    Abbracci,
    L.

    martedì 9 novembre 2010

    ~42. Pieces of the puzzle getting in the right place.

    Pezzi del puzzle che vanno al posto giusto.






    Ecco, sì, è così che mi sento.
    Sono positiva, e spero che stavolta duri più di un giorno solo.
    Domenica sono uscita con una mia vecchia amica che si è dimostrata una vera amica..anche avendo capito quali sono i problemi che sto attraversando in questo momento. E questo mi ha davvero tirata su.
    Poi, oggi sono uscita presto perchè c'era assemblea, e tornata a casa, sono andata dal parrucchiere.
    Results:
    - Nuovo taglio
    - Capelli perfetti
    - Una ciocca azzurro marino :)

    Sono davvero soddisfatta. Non so, mi ha proprio tirata su. Ci voleva..che devo fare, sono materialista. Datemi da scegliere tra la pace nel mondo e una settimana di shopping gratis, e di sicuro la pace nel mondo sarebbe surclassata nlla mia visione mentale.
    Forse non è proprio tanto morale, come cosa, ma sono così, e non mi dispiace poi tanto.
    Sto iniziando a sperimentare con gli smalti, ieri mi sono messa uno smalto rosa-lilla con il french bianco, e con la camicia che mi hanno regalato i miei per il mio onomastico -rosa-viola- e le scarpe che mi ha regalato mia zia -converse di pelle bianche, con il pellicciotto che si rigira- stanno da D I O.
    Sono appena tornata da lezione di canto, e questa è un'altra cosa che mi ha messa di ottimo umore:
    - Sono arrivata con la voce oltre al si dopo il pentagramma senza sforzare la voce
    - Mi ha fatta cantare la Carmen di Bizet e ha anche detto che sono stata brava (!!!!)
    - La mia respirazione migliora
    - Ha detto che se fumo qualche sigaretta non fa nulla, la voce non peggiora.

    Great, great day.
    Sto ascoltando Bob Dylan che mi ricorda il film Watchmen, e questo è un altro punto positivo.
    In più il mio programma rileggi-e-guarda-tutti-i-libri-e-i-film-di-harry-potter-in-inglese-prima-dell'ultimo-film procede bene, sono oltre la metà del quinto libro e al terzo film. Olè!
    Lunedì sono stata interrogata in Fisica e Italiano, e sono andata bene, anche se l'interrogazione di Italiano deve continuare..va bè. Spero che domani inglese ci dia i risultati del compito..anche se non sono granchè fiduciosa..una vecchia pigrona, ecco cos'è quella donna.
    Bah insomma belle giornate.
    Scusate se non commento, ma il tempo sembra volatilizzarsi davanti ai miei occhi a velocità impressionante.
    Dove va non lo so, ma corre via fin troppo in fretta.
    Hugs,
    L.

    domenica 7 novembre 2010

    ~41. Freaking day.

    Cazzo di giornata...

    Stamattina mi sono svegliata con dolori atroci da ciclo -maledetto!!!- e non sono andata a scuola. C'era una possibilità che mi interrogasse in biologia e dopo avevo una partita di calcetto con le altre. Ho mandato un sms ad una mia amica dicendole perchè non potevo venire, e mi risponde un'altra, ordinandomi di venire. Io dico che non posso e ribadisco il perchè, e lei risponde con, diciamo.. parole non aggraziate, che oggi c'era biologia e la partita e che non avrebbe sprecato messaggi per me.
    Ci sono rimasta malissimo e mi sono messa a piangere..vabbè. In tutto questo mia madre che s'impiccia sempre dei cazzi che non sono suoi, inizia a fare...va bene che è orfana di padre, ma questa è cattiveria, e bla bla bla. In parte le do ragione, ma ribadisco che non sono affari suoi. Sono stata mezza mattinata a piangere pensando a quanto sono pateticamente sola, poi mi sono tirata su pensando che ho i miei genitori, e che ho altre amiche..molte lontane, perchè conosciute in un college in Irlanda, ma alcune vicine..e che posso stare con loro, contare su di loro. Loro mi vogliono.
    E allora ho avuto la forza di alzarmi, mangiare qualcosa e cazzeggiare al pc. Tutto questo dopo due Moment, perchè stavo una pezza. Alla fine però decido di chiarire con G, questa mia amica, e la chiamo, ovviamente incazzata nera. Lei dice che scherzava, che cose come quelle le dice sempre a tutte le sue amiche -cosa, in effetti, vera- e diciamo che come al solito mi fa passare dalla parte di quella che si fa i film, e mi ripete che con me non c'è più il legame di una volta..che se voglio confidarmi con loro ci sono, ma che non devo aspettarmi che io sia una migliore amica per loro, anche se loro possono continuare a esserlo con me.
    Ma voi avete mai saputo di un'amicizia a senso unico che non porti solo sofferenza?
    Io no.
    Stasera avevo anche pensato di non uscire per questo..poi alla fine ho chiarito...amiche come prima. Solo amiche, niente migliori. E' una cosa triste,  e non credo se ne rendano conto.
    Loro non hanno perso nulla, io ho perso le mie migliori amiche, e non le riavrò più indietro.
    Direi che ho qualche ragione per piangere.
    Dopo la telefonata mi sono chiusa in bagno -no, senza la chiave- e asciugandomi i capelli ho pianto come non facevo da giorni. Ho fatto preoccupare i miei, non volevo, ma era più forte di me..
    Davvero, che merda di giornata, che giornata di merda.
    Spero ce ne saranno di migliori.

    XO,
    L.

    venerdì 5 novembre 2010

    ~40. Pain.

    Dolore.
    Tanti lo collegano all'amore.
    Tanti all'odio.
    Io no.
    In me, il dolore è come fosse innato.
    Lo sento dentro da sempre, da quando ho memoria.
    Il dolore di essere messa da parte, di essere sola, diversa.
    Esistono persone destinate a soffrire?
    Esistono persone destinate a non trovare pace?
    Nessuna pace, eccetto quei subdoli metodi autodistruttivi che, alla fine, peggiorano la situazione.
    Io il dolore lo posso sentire in ogni mia terminazione nervosa, nel sangue, sulla punta della lingua.
    Dal cuore, dal cervello, si irradia attraverso il mio intero, flaccido corpo come veleno di serpente.
    Ma quello si può estirpare, se trovi un dottore.
    Un dottore nel mio caso, che può fare?
    Prescrive pillole, cure, trattamenti, sedute di psicoterapia.
    Ma se un medico può sapere cosa vuol dire essere avvelenati da un serpente, non può capire cosa vuol dire essere avvelenati da sé stessi. Né c'è antidoto, per quel dolore, né c'è cura che sia scientifica.
    Io credo che la cura sia l'amore. Forse, se lo trovi in tempo.
    La cura è riuscire ad amarsi, e questo può succedere solo se sei amato.
    Ma come può qualcuno amarti, se non ami te stessa?
    Ecco, questo è un circolo vizioso.
    Non ho idea di come uscirne.
    So solo che ho bisogno dell'amore, ho bisogno di essere amata più dell'aria che respiro, perchè sì, per ora, sento che di quella farei tranquillamente a meno.
    Ho bisogno di un abbraccio puro e disinteressato, di un braccio da stringere per non stritolare il mio, di uno sguardo complice e talmente pieno di luce, da condividerne un po' anche con il mio.
    Ecco la cura per il mio dolore.
    Ecco l'antidoto al mio veleno.
    Ma l'amore sembra lontano come una stella luminosa.
    So che c'è, di stelle ce ne sono tante, ma non potrò mai raggiungere la mia. 

    Ieri sono andata dalla psicologa, e ho litigato con mio padre per l'ennesima volta. Ora se ne è uscito con il fatto che uso ricatti morali con le persone.
    Ma che caz..????
    Che odio.
    Ci siamod etticose orribili, ma abbiamo fatto pace la sera stessa. Però continuo ad essere arrabbiata, arrabbiata con lui, con me stessa, con il mondo. Non so da dove esca tutta questa rabbia, ma spaccherei tutto, se potessi.
    Dal nutrizionista, ancora non ho perso peso.
    Forse perchè dopo due giorni mi è venuto il ciclo, e sono più gonfia. Spero.
    Io ho cercato di seguire la sua dieta..oggi ho mangiato come una porca.
    La nota positiva della settimana è stato l'ottimo voto alla versione di greco: 7 e 1/2. 
    Ah, e i 50 euro che mi ha regalato mio nonno.
    Anche se andare a trovarlo è decisamente deprimente. Non parla d'altra cosa che non siano le sue malattie, il fatto che non va in bagno o se mia nonna è stata riesumata. Che poi l'hai anche lasciata, mia nonna, che cazzo ti frega?
    E sua moglie resta lì, con quello sguardo arcigno, e fa la melliflua. Che odio. Puoi chiamarmi nonna. Non ti chiamerò mai nonna, insensibile rovinafamiglie.
    Stupida donna, ha avuto quello che si meritava alla fine. Mio nonno non la fa mai uscire perchè deve badare a lui, e lui non esce mai. E mio nonno sa essere oltremodo fastidioso. Ha. Un po' di soddisfazione.
    Un abbraccio,

    L.

    martedì 2 novembre 2010

    ~39. That's what you get.

    That's what you get when  you let your heart win..

    Questo è quello che ottieni quando lasci che il tuo cuore vinca..

    Altra giornata, altro nulla, altro troppo, altro dolore.
    Ci sono state parecchie volte oggi in cui mi è sembrato di non riuscire a respirare.
    Piano, piano, mi sono detta. Non è nulla.
    E invece è tutto..perchè gli altri, respirano bene;perchè gli altri, sorridono sinceri; perchè gli altri, sanno amare ed essere amati.
    Io no.
    Io non so più cos'è un sorriso sincero, non so più amare davvero.
    Non so più essere amata..e non c'è più nessuno disposto a farlo.
    Tutto per colpa mia.
    I miei sogni si infrangono come le onde, come i miei pensieri si infrangono a velocità quadruplicata nella mia mente.
    Pensiero su pensiero, onda su onda, dolore su dolore.
    A pensiero segue dolore.
    Ormai sono arrivata al punto in cui desidero non pensare, per riuscire a non soffrire.
    E intanto che faccio?
    Mi metto lo smalto, compro vestiti, fumo, mangio.
    Sono tutti modi, stupidi e inutili, per ignorare quella voce che sta urlando nella mia testa: "Sei sbagliata! Tu sei malata, sei malata e non meriti di essere come gli altri, e non lo sarai mai!"
    Ci sono forse modi più utili per ignorare questa voce?
    Mi sta schiacciando..ogni secondo, c'è qualcosa che mi fa capire, che se soffri di depressione, autolesionismo e disturbi alimentari, in questo mondo c'è poco per te.
    Ma io vorrei..vorrei..poter diventare chirurgo..magari trovare un uomo da amare che mi ricambi sinceramente, e chissà, dei bambini a cui dare tutto. Tutto questo, sento come se mi fosse stato precluso il primo giorno in cui mi sono tagliata, o il primo giorno in cui ho ristretto le calorie. Ma solo ora posso accorgermene. Eppure smettere? Il pensiero non è tollerabile. Mi fa male se mi faccio male, mi fa male se non mi faccio male, e allora? Almeno se continuo a farmi del male, mi assicurerò quei pochi, preziosissimi minuti di finto benessere.
    Non ho più nulla da dire.
    Sono il nulla.
    E la mia speranza è morta prima di me.

    Abbracci,
    L.

    lunedì 1 novembre 2010

    ~38. Welcome to my life.

    Do you ever feel like breaking down?
    Do you ever feel out of place?
    Like somehow you just don't belong
    And no one understands you
    Do you ever wanna run away?
    Do you lock yourself in your room?
    With the radio on turned up so loud
    That no one hears you screaming

    No you don't know what it's like
    When nothing feels alright
    You don't know what it's like
    To be like me..

    To be hurt
    To feel lost
    To be left out in the dark
    To be kicked
    When you're down
    To feel like you've been pushed around
    To be on the edge of breaking down
    When no one's there to save you
    No, you don't know what it's like..
    Welcome to my life.

    Do you wanna be somebody else?
    Are you sick of feeling so left out?
    Are you desperate to find something more
    Before your life is over?
    [...]
    With the big fake smiles and stupid lies
    But deep inside you're bleeding.

    Questa canzone interpreta tutto quello che sento ora.
    Sono appena tornata da un bellissimo pomeriggio, e ho fatto i miei primi tiri di canna -ma non è per questo che il pomeriggio è stato così bello.
    Mi sono sentita di nuovo parte di qualcosa, per poi vedere le mie stupide illusioni cadere come mele troppo mature. 
    Non c'è tanto da dire.
    Le solite cose.
    Ieri in discoteca..sono stata più o meno bene, ma c'erano così tante ragazze con gambe perfette...perfette.
    Era un colpo al cuore ogni volta che le vedevo.
    Devo diventare così.
    Ti senti mai crollare?
    Ti senti mai fuori posto?
    Come se in qualche modo non appartenessi proprio
    E nessuno riesca a capirti
    Vorresti mai correre via?
    Ti chiudi in camera?
    Con la radio col  volume così alto 
    In modo che nessuno possa sentirti gridare

    No, non sai com'è
    Quando nulla sembra a posto
    Non sai com'è 
    Essere come me

    Essere ferito
    Sentirsi perso
    Essere lasciato fuori al buio
    Essere preso a calci
    Quando sei giù
    Sentirsi come se stessi venendo spinto via
    Essere sul punto di crollare
    Quando nessuno è lì a salvarti
    No, non sai com'è..
    Benvenuto nella mia vita.

    Vuoi essere qualcun altro?
    Sei nauseato di sentirti così tagliato fuori?
    Ti disperi per trovare qualcosa di più
    Prima che la tua vita sia finita?
    [...]
    Con i grandi sorrisi falsi e le bugie stupide
    Ma dentro nel profondo stai sanguinando.

    Hugs, 
    L.

    sabato 30 ottobre 2010

    ~37. I can't tell you what it really is.

    I can only tell you what it feels like.

    Non so dirti cos'è davvero, posso solo dirti come ci si sente.

    O meglio, potrei dire tantissimo su che cos'è, ma sembrerebbero solo parole vuote, referti medici, diagnosi, stupide diagnosi. Quello che importa è quanto ti senti uno schifo dentro, a prescindere dalla malattia che hai o non hai. Ora, descrivere ancora una volta come sto mi sembra così insensato. Eppure, anche se non ne parlo, il dolore rimane. Il respiro che si mozza rimane. Soprattutto, la distruzione rimane. Tutto si stringe sempre più stretto intorno a me, come le spire di un serpente. E io..mi sento debole, incapace di combattere, anche se combattendo, forse, farei solo peggio. Ma se non posso combatterlo, devo conviverci? Quest'idea mi sembra stupida. Come puoi convivere con qualcosa che cerca di ucciderti? Qui si arriva ad una semplice ovvietà: o uccidi quella cosa, o quella cosa ucciderà te. Semplice, inevitabile, e tremendamente logico. Ma allora se non posso combatterla, e se non posso conviverci, non mi rimane che lasciarmi essere preda di tutto questo. Lasciarmi prendere, e dilaniare, e lasciare che tutto succeda in fretta. Non prolungare l'agonia. Sperando che finisca presto. Sono terrorizzata. Se solo avessi un'amica..se solo potessi avere qualcuno ad abbracciarmi nei momenti peggiori, ma no, mi hanno lasciata sola, e io sola non potrò mai farcela.

    E adesso sabato, finalmente sabato..e niente scuola fino a mercoledì prossimo.
    Ma tanto contenta non sarei.
    Ieri sera ho mangiato un trancio di pizza e delle patatine, oggi a pranzo un trancio di margherita -sono stata fuori sia ieri che oggi-, stasera mangerò fuori, di nuovo..tutto a puttane. E domani c'è il risotto alla pescatora, che io amo. Purtroppo.
    Poi stasera andiamo a vedere il ragazzo della mia migl...ex migliore amica che canta. Magari starò bene. Coverano Ligabue. Io amo Ligabue. Andrò anche al concerto, l'11 Dicembre, a Caserta.
    Domani sera invece è discoteca..e io dovrò mettere un vestitino corto con i coscioni che mi ritrovo..vergogna, vergogna, vergogna più assoluta. "Fai schifo!" continuo a ripetermi, ma l'autocontrollo non c'è più, non c'è più, voglio solo ana, e ana non c'è. Quetsa è una cosa che si aggiunge per aiutare il resto a distruggermi. La mia stessa mente e il mio stesso corpo complottano contro di me. Figo. Assai.
    Bah..e poi in discoteca, rimarrò da sola come una stupida mentre le altre si divertono tra loro?
    Se sì mi prendo a uno e me lo bacio, come una troia. Solo per sentirmi meno me. Meno Laura, meno me stessa. Chissenefotte.
    Spero che a voi stia andando meglio..
    Un abbraccio,
    L.

    mercoledì 27 ottobre 2010

    ~36. That's alright because I like the way it hurts.

    Ma va bene, perchè mi piace il modo in cui fa male.

    E' diventato dolce perdersi nel dolore..tanto non riesco a stare su per più di un giorno, quindi...che fa?
    Preferisco abbracciare tutto ciò che mi è rimasto da abbracciare, il dolore.
    Ed ero così positiva...ma è durato mezza giornata, e gli ultimi tre giorni sono stati pessimi, davvero orrendi. Specialmente riguardo il fronte amiche. Ogni volta mi ripeto che da sola posso farcela, che non ho bisogno di loro, ma la realtà è solo una..io non posso migliorare se non ho nessuno da poter chiamare quando sto male, nessuno a consigliarmi, nessuno anche con cui dividere un segreto, anche per parlare di un ragazzo. Nessuno che conta su di me, e nessuno su cui contare.

    Dentro di me c'è sempre qualcosa che spinge per uscire, un dolore sordo, che a tratti diventa acuto, che spinge, preme, dilania. E' un'asma mentale. Ecco. Un'asma mentale che non mi fa respirare.
    E sono così stanca...stanca di combattere ogni giorno contro qualcosa di invincibile.
    Oggi ho provato tante, troppe volte a dirmi :"zitta, bestia, comando io". ma o la mia mente ha qualcosa che non va o è troppo forte.

    Poi, sono andata dal nutrizionista. Ancora, non ho perso peso, perchè domenica ho mangiato come un maiale all'ingrasso. Ancora, sono stabile.
    Va bene così, stai andando bene, non c'è vomito nè abbuffate serie, dice lui. Col cazzo. Mi stai facendo mangiare come un elefante. E io ci sto pure. Oggi ho vomitato. Dopo tre settimane, tipo. Latte e cereali, giù nel cesso. Non me ne frega niente, io da domani comincio a restringere. Non posso continuare così. Mi faccio troppo schifo.

    Mi spiace tanto di non riuscire a commentare a tutti, ma non sono nello stato mentale giusto per essere capace di dare consigli.. e a volte supportare mi sembra stupido, dato che sto supportando qualcosa di sbagliato ma che la mia mente malata accetta come giusto. Non so se mi sono spiegata.
    Ma vi leggo tutte <3.
    Un abbraccio forte,
    L.

    lunedì 25 ottobre 2010

    ~35. Home.

    Casa, casa, casa.
    Oggi sono stata tutta la giornata a casa, tranne un'oretta dal dentista.
    Ieri c'era questo pranzo a casa di un'amica, e mi sono davvero, davvero divertita. Per un giorno, sono stata bene, sono riuscita a fare qualche sorriso sincero, e mi sono sentita meno sola. Però non ho studiato, quindi ho pregato mia madre di non farmi andare oggi. Ci sono riuscita.
    E stamattina sono stata davvero brava, da sola. Non mi sono fatta male, e non mi sono abbuffata! Ho mangiato solo della frutta!!
    Sono orgogliosa di me stessa, mi sento bene. Oggi ho mangiato in modo molto equilibrato.
    E stranamente, sono stanchissima.
    Amo stare a casa, di solito. Amo restare nel letto, fare colazione quando voglio, cantare a squarciagola senza preoccuparmi di dare fastidio ai miei, passare la mattinata in pigiama...musica per le mie orecchie. E linfa vitale per il mio cuore.
    Questo quando non finisce in modo tragico, ma oggi...si, oggi mi è proprio piaciuto.
    In più, mia madre ha scoperto alcuni degli effetti della prolattina alta: brufoli, aumento della pipì, caduta di capelli e.. aumento di peso e gonfiore. Come alcuni dei farmaci che prendo, spinge anche a mangiare di più. Questo vuol dire che quando prenderò farmaci per abbassarla, il gonfiore, e gran parte dell'appetito pazzesco scemeranno.
    E questo mi rende davvero, davvero eccitata.
    Sono positiva.Vorrei riuscire a infondere questa positività -anche se momentanea- a tutte quelle di voi che stanno male oggi.
    Un abbraccio,
    L.

    sabato 23 ottobre 2010

    ~34. If you close the door.

    If you close the door
    the night could last forever
    Leave the sunshine out
    and say hello to never

    All the people are dancing
    and they’re having such fun
    I wish it could happen to me

    But if you close the door
    I’d never have to see the day again



    Scusatescusatescusate se in questi giorni non ho scritto o commentato!!
    Avrei voluto, ma non ero assolutamente dell'umore per ripensare, scrivendo, alle mie giornate.
    Oggi che va un pochino meglio me la sento, invece.
    Anche perchè ormai questo blog è un po' come una famiglia. Ci sto bene, posso essere me stessa e non sarò giudicata.
    Questi ultimi 4 giorni...mhm...
    Mercoledì, sono andata dal nutrizionista, e mi ha detto che non ho perso peso, ma sono rimasta stabile. Non sono stata molto contenta di sentirlo, ma almeno è meglio che aver messo su peso, no?
    Sto mangiando un po' più regolarmente e credo che per la settimana prossima avrò perso qualcosina. Non un chilo, sto sempre parlando di etti. Perchè se perdessi più di un chilo alla settimana il nutrizionista sarebbe davvero poco d'accordo. Ma magari...ci spero sempre.
    Voglio diventare magra, voglio sentirmi di nuovo le ossa.
    Ho detto alle mie amiche che da febbraio sono ingrassata di dieci chili e non ci volevano credere. Ma come fanno a dire che non si vede? Dieci chili da qualche parte devono pur infilarsi, no??
    Uh cielo.
    Cielo, cielo, cielo.
    Giovedì vado dalla psicologa, e di nuovo crollo. Piango, piango, piango come una povera cretina. In più i miei, avendo scoperto che mi abbuffo, mi portano con loro ovunque, e ribadisco ovunque.
    Mèrde.
    Così giovedì mi sono dovuta trascinare a casa dei loro amici per vedere quella dannatissima partita Napoli - Liverpool, con il libro di italiano per buttarmi comunque in una stanza da sola a ripetere -.-''
    Ma alla fine mi esaurisco, non faccio italiano e mi butto un po' sul cibo, un po' su mia mamma. Odio irritarla, ma allo stesso tempo mi crea una gran soddisfazione. Però mi dispiace quando lo faccio, a volte neanche lo faccio apposta. Non ha fatto niente di male..
    Altra bella cosa: ho la prolattina altaaaaaaaaaa!
    Si, quella merdina di sostanza che ti fa produrre latte.
    Quella che hanno le donnce incinte. Ed è colpa di un farmaco che prendo, quindi ora devo smettere quel farmaco, cambiarlo, e prenderne un altro per abbassare la prolattina.
    Che fastidio, gli effetti collaterali. Forse è per questo che ultimamente faccio tanta pipì.
    Ma tanta sul serio, eh. Oggi sono andata in bagno 4 volte in 5 ore di scuola. Eppure bevo poco -shame, I know-.
    Giovedì ho parlato con le mie amiche. Hanno detto che loro hanno 17 anni e non possono sopportare di essere mie amiche, perchè è troppo pesante. Davvero capisco quanto posso essere tremenda, ma...dopo 4 anni, dirmi che semplicemente sono fuori dal gruppo, e poi la cosa strana è che si stanno comportando normalmente con me. Strano.
    Ma mi sono scocciata di capirle. Per una volta, non voglio dipendere dagli altri.
    Dopotutto è colpa mia se le sto perdendo, o se le ho perse..se solo fossi stata più brava a fingere, o se solo fossi stata migliore..ma tanto ormai è tardi.

    Oggi ho fatto il compito di latino e credo sia andato proprio bene, perchè sono dovuta andare in bagno prima di ricontrollare, e così ho consegnato temporaneamente. Tornata dal bagno -si, sempre quella pipì xD- il professore ha detto che non c'era bisogno di ricontrollare e andava bene così.
    Ma mi farei uscire un grande "YEAH!" Così mi salvo dall'interrogazione che già so, non andrà bene come voglio. Amo, amo gli scritti. Sono facili.
    E stasera si esce come al solito in piazza, e stavolta ci sarà Gianluca..ma ho l'impressione che non farà mai la prima mossa. I bravi ragazzi sono odiosi, a volte.
    Un abbraccio a tutte,
    L.

    martedì 19 ottobre 2010

    ~33. Saint.

    Oggi è il mio onomastico.
    Oltre ai miei genitori e alle zie -a cui sono iper grata-, solo una persona si è ricordata che oggi è  santa laura, e a questa persona non avevo detto nulla. Le mie amiche, alle quali avevo anche chiesto se volevano venire da me per una pizza il giorno MARTEDI 19 OTTOBRE, delle quali 3 non potevano venire (perchè ovviamente è solo l'onomastico di laura, perchè sforzarsi di venire), e quindi il tutto era stato cancellato, non si sono ricordate niente. Zero. Non chiedo un regalo, va bene, non venite neanche da me, ma almeno una parola, dire auguri...è così difficile?
    Mah..lasciamo perdere anche questo.
    Se ci penso mi viene solo da piangere.
    Ieri è stata una giornata così cosà...mio padre mi ha scoperta ad abbuffarmi, e ha iniziato a urlare "ma se mangi come una porca non dimagrirai mai quanto vuoi, e poi ti lamenti pure! Che lo paghiamo a fare un nutrizionista??? E' questo che ti dice? Non credo! Perchè non fai come ti dice???"  "Perchè non riesco a smettere di mangiare ossessivamente, papà." Gli ho risposto. Nella mia testa. "...." è stato quello che ho risposto. Silenzio, vergogna, senso di colpa, tutto su di me. Mi sarei voluta buttare giù. Non che ora disprezzi l'idea, ma.....argh. Per fortuna almeno dato che mi ha scoperta ho potuto mangiare solo spinaci bolliti, ieri sera a cena. Punto positivo. E' come se avessi fatto una cena più o meno abbondante e basta.
    Sto davvero odiando me stessa, non sono capace di controllare il cibo. A  pranzo oggi qualcosa come otto polpette e cinque fette di pane...che schifo. E poi un po' di ananas. Cosa darei per essere capace di darmi una mossa e controllare, riuscire di nuovo a restringere senza problemi..Voglio Ana. La voglio con me, accanto a me, su di me e dentro di me. Ne ho bisogno.

    Oggi sono andata all'orientamento universitario -anche se sono in secondo liceo classico, cioè quarto anno-, ma in questa cavolo di città chiedere qualcosa di organizzato è troppo. C'era un casino, ma un casino...mi stavo sentendo male in mezzo a quella ressa. Però sono riuscita a prendere gli stand di varie università, dalla Federico II- abito a Napoli- a università fuori sede ed estere. Ma il mio sogno rimane medicina, ad Oxford o Londra.
    Spero davvero di farcela..
    Un abbraccio,
    L.

    domenica 17 ottobre 2010

    ~32. That damn September morning.

    Non riesco a combattere il bisogno.
    Ogni fibra di me stessa si tende all'idea di tagliarmi, farmi male, distruggermi in ogni modo possibile.Non ho davvero granchè da scrivere, perchè stasera è davvero nera. Ho paura di me stessa.
    Il mostro non si ferma, non smette di straziarmi, e io non lo sopporto più.
    Non so quanti altri giorni, quante altre notti come questi riuscirò a sopportare senza fare disastri.
    Vorrei solo non essere malata come sono, e maledico sempre di più il momento in cui la mia mente mi ha portata al primo taglio, quella dannata mattina di settembre.
    Stasera non ho parole, non ho anima, non ho lacrime.
    Sono morta, se quel che c'è dopo la morte fa male.
    Sto morendo, se la morte è dolorosa.
    Ma viva...non sono viva.

    Un abbraccio...
    L.

    ~31. When the night comes..

    Quando viene la notte, eccomi qui. 
    Sola nella mia stanza, nel mio letto, con le cuffie e la musica.
    Incapace di dormire, avendo paura di restare sveglia.
    Assediata da brutti pensieri..
    La giornata era cominciata male. A scuola mi sono tagliata con le forbici...e non ne vado per niente fiera.
    Ma non sono riuscita a resistere al bisogno..semplicemente, non potevo. Era più forte di me.
    Dopo uscita da scuola però ho chiarito con una mia amica..lei dice che non le ho perse, ma che per loro è impossibile starmi accanto. Hanno comunque 17 anni, e per loro la mia situazione è pesante. Io infatti ce la metto tutta per essere normale con loro..ma capisco quanto possa essere duro avere un'amica come me. Le ho chiesto solo di coinvolgermi di più, perchè è questo il modo in cui posso evitare di sentirmi sola, se posso evitarlo. Spero che riesca ad andare meglio, così..
    Oggi ho mangiato un'intera tazza con nesquik e cereali, che schifo...poi stasera mezza pizza e le patatine e a pranzo due piatti di pasta all'insalata coi pomodori. Più la colazione da 300-500 calorie.
    Non devi pensare alle calorie, mi dice il medico. Col cazzo. Non posso non pensarci. Non è più cibo, sono calorie. E grassi, proteine, carboidrati. Ma non è cibo, quello che ingerisco ogni giorno. Il cibo è quello che ti godi, quello che assapori, che gusti. Quello che io ingerisco viene ingurgitato velocemente, voracemente, senza nessun freno, per poi essere odiato, e analizzato in ogni parte. Io non assaporo più nulla, non ne sono capace.
    Stasera Gianluca non c'era, aveva una festa di 18 anni -maledetta sia la festeggiata!!- e quindi sono stata con le altre, e con un amico di Gianluca, simpatico assai.
    Non è stata male..mi sono divertita, se non fosse stato per quella mezza pizza e le patatine che mi hanno fatta sentire in colpa per tutta la sera..
    Ho fumato la mia prima sigaretta intera, e non so se è una cosa buona o cattiva. Propendo per cattiva. Non voglio iniziare a fumare, è che mi da una sensazione di leggerezza incredibile..forse dovrei levare mano..non aggiungiamoci un'altra dipendenza, anche più dispendiosa delle altre, e se possibile, più dannosa. Non voglio, non devo fumare. E poi i miei mi lincerebbero. O squarterebbero. O comunque mi farebbero moolto male.
    Sto iniziando a pensare che ho bisogno di un ragazzo. Qualcuno a cui appoggiarmi, con cui parlare, di cui fidarmi, oltre agli amici. Qualcuno con cui posso accoccolarmi, che posso abbracciare, che mi fa le coccole. Siano santificate le coccole e gli abbracci, mille volte più dei baci. Riempiono dentro, ti fanno sentire viva, piena e...serena. Come se tutto non potesse che andare bene, finchè sei tra le braccia di qualcuno.
    E poi, provare il sesso. C'è stato un periodo in cui ho pensato di buttarmi via alla prima persona, solo per sentire il calore di qualcun altro su di me. Per fortuna non l'ho fatto, quindi non ho idea di come sia, come sarà, come sarebbe. Immagino che la prima volta possa essere dolorosa, alquanto imbarazzante e che magari non si provi davvero granchè. Ma poi forse cambia da persona a persona..boh, non lo so.
    Tutte supposizioni, io non sono per niente esperta in materia. Ho dato il mio primo bacio un anno e mezzo fa. Ma onestamente era l'ultima delle mie preoccupazioni, dare il mio primo bacio. Insomma, avrei voluto che accadesse, ma il mio primo ragazzo, non me lo sono mai goduto. Così come il secondo, e il terzo. Ho iniziato a stare male prima di conoscere il mio primo ragazzo, e quasi non sopportavo quando mi toccava, terrorizzata che potesse sentire qualcosa attraverso la stoffa. Mano su per la manica..scatto impulsivo, levo la mano. Così vorrei tanto sapere com'è davvero avere un ragazzo, seriamente. Ora che forse l'importanza l'ho capita, che un pochino di testa ce l'ho.
    Di nuovo, è tutto un incognita.
    Ma spero davvero di concludere qualcosa.
    Un abbraccio, 

    L.

    venerdì 15 ottobre 2010

    ~30. Staffetta dell'amicizia!

    Ecco, allora, un'adorabile personcina di nome Zara (*-*) mi ha passato la staffetta, e quindi ora rispondo a queste domande e poi la passerò ad altri blog:

    1) Quando le maestre e le prof, e i parenti chiedevano a noi piccoli
    "E TU?COSA VORRESTI FARE DA GRANDE?"
    Allora, quand'ero proprio piccola dicevo che volevo fare la pescatrice, poi la cameriera, poi dai cinque anni in poi medico, agli 8 "il medico della testa", a 10 ho imparato che si dice "neurochirurgo", e da lì sono sempre stata ferma su quello..senza smettere di fantasticare però sulla fisica astronomica, sulla biologia marina e si, su una carriera da rockstar X°D

    2)Quali erano i vostri cartoni animati preferiti da piccoli? Con quali giochi vi divertivate?
    I miei preferiti? Nothing easier!! Dragonball, Rossana, Il mistero della Pietra azzurra (il miiisteero dellaa pieetra azzuuurra!), Doremì..e sicuramente altri che non ricordo!
    Adoravo le barbie, ma a parte creare storie strane -in cui la femmina miracolosamente pesava 0 chili e mangiava una caramella al giorno- adoravo giocarci a baseball: usavo una barbie come mazza e una come palla..ecco spiegato perchè non ho più barbie, ma solo teste e corpi, e vestiti inutilizzati che cucivo alla meno peggio XD

    3)Qual'è stato il vostro più bel compleanno e perchè?
    Sono nata il due Agosto..quindi potete immaginare la depressione alle mie feste: invitavo solo parenti. Ora a volte vado a cena con delle amiche, ma non amo il giorno del mio compleanno in generale; finisce sempre per essere il più deprimente dell'anno.

    4)Quali sono le cose che volevate assolutamente fare e non avete ancora fatto?
    Uuh, tante ._. Vedere l'America -ma se tutto va bene ci vado quest'estate-, prendere 8 come media scolastica, ricominciare ginnastica artistica, ma ormai è tardi..e tante altre cose che onestamente ricorderò solo dopo aver postato u.u

    5)Qual'è stata la vostra prima passione sportiva o non?
    La mia prima passione...ma la ginnastica artistica!! La iniziai a 5 anni, come pre-ginnastica, e l'ho continuata fino agli 11 anni, quando ho fatto due anni di tennis, uno di nuoto e due di pattinaggio artistico. Ma mi pentirò per sempre di aver lasciato la ginnastica: trovo che sia lo sport più bello che esista, insieme alla danza. Elegante, potente, magico.

    6)Quale il primo idolo musicale?
    Buahahah xD I Blue! Dovevo anche andare a un loro concerto, pensate! Poi subito dopo venne Hilary Duff, e dopo non c'era più nessuno, un po' qui e un po' là...e poi i Green Day e i My Chemical Romance <3

    7)La cosa più bella chiesta (e in caso ricevuta) a Babbonatale o Santa Lucia?
    Mah..forse l'i-pod. Ipod nano rosso fuoco, edizione limitata, con dietro incisa una dedica dei miei genitori: "Find somewhere you belong to" Trova un posto a cui appartieni..ed è davvero qualcosa che voglio fare.


    Ooora, i blog a cui lo passo:

    =)
    Un abbraccio, 
    L.

    ~29. In too deep.

    Ci sono dentro troppo profondamente. 

    Centinaia, migliaia di artigli neri mi avvolgono e cercano di tirarmi giù, giù, sempre più in fondo al baratro.
    Ma io devo cercare di resistere. Ce la devo fare. Per me, per i miei genitori, per voi che credete in me. Devo combattere..anche se fa così male che non riesco a respirare liberamente.
    Ieri è stata una brutta, brutta giornata. Almeno per metà. Ormai le mie amiche a scuola se stanno parlando di qualcosa e vedono che mi avvicino mi dicono "Scusa, Laura" alludendo al fatto che me ne debba andare da qualche altra parte, con un tono spiccio e duro.
    Ogni volta è una coltellata. Ed è almeno la quarta volta che succede.
    Io non sono più nulla per loro, ma loro sono ancora tutto per me.
    Il pomeriggio mi sono riabbuffata, e poi sono andata dalla dottoressa. Ho parlato, quasi pianto per tre quarti d'ora, e poi sono uscita sentendomi almeno un pochino più leggera.
    Stamattina non sono andata a scuola..non ho la testa, non ce la faccio. L'ho detto a mia madre che ovviamente non voleva lasciarmi rimanere sola a casa, ma alla fine li ho convinti, tutti e due. E ora sono abbastanza orgogliosa di me stessa..da un'ora sono a casa e non ho toccato coltelli, nè aghi, nè cibo.
    La voglia c'è, ma la devo combattere.
    Ascolto musica e tra poco inizierò a studiare biologia, forse domani mi offro, così me la levo davanti. Anche se mi piace tanto, è sempre una materia in più oltre latino e greco e tutto il resto, e tutto insieme diventa davvero troppo da sostenere. Magari gli altri non sprecano due pomeriggi a settimana perchè devono andare da due medici diversi, gli altri non sono malati, magari gli altri riescono a mantenere i propri pensieri fermi su quelle pagine da studiare, mentre i miei corrono inevitabilmente a ciò che c'è nel frigo, oppure alla lametta nascosta nello scatolino dei cd dei My Chemical Romance, e al cassetto delle posate, o alla scatola con le cose da cucire. Il tempo scorre, e mi sento intorpidita, devo dormire. E' un ottimo modo per far scorrere la giornata senza dover pensare. Anche se faccio sogni strani.
    Stanotte ho sognato che dovevo tirarmi il sangue, ma che lo facevo da sola, dalla gamba. Forse ricordandomi il disastro con l'ago di mercoledì.. Prendevo due boccette enormi intere di sangue, parlando con una mia amica, e dicendole qualcosa sulla depressione. E lei diceva "si, ma comunque senza sangue se ne va, la depressione". Ecco la mia costante voglia di dissanguarmi. Non si può neanche più dormire senza pensare a tutti i disastri intorno a me. Ma basta!
    Sono proprio stanca..stanca di tutto.
    Vorrei scappare, andare via.
    Andare a Londra e passare due settimane da sola a rivedere la mia città preferita, da sola, senza nessuno a guardarmi apprensivo, senza nessuno a dirmi di andarmene, senza nessuna pillola e nessuna dieta. Solo io, Londra e il mio amore per quella città.
    Sarebbe un sogno..

    P.s. ho avuto un Happy Premio o.0
    Non me l'aspettavo e non sapevo neanche cosa fosse, ma ora che l'ho finalmente capito -ci ho messo qualche ora, lo ammetto- ringrazio e faccio quello che devo fare u.u

    Allora, le dieci cose che mi piacciono di più:
    1) La musica, che mi rapisce ed esprime con melodie e parole quello che a volte non riesco ad esprimere da sola.
    2)Cantare, mi fa sfogare ed è semplicemente...me.
    3)Film e telefilm, mi aiutano tanto trasportandomi in un altro mondo, almeno per un po'.
    4)Leggere, mi aiuta a superare la giornata -e anche i momenti di noia!-
    5)L'inglese e le altre lingue, un giorno spero di poter vivere in un paese anglofono.
    6)Viaggiare, il mio sogno sarebbe vivere per sempre e poter viaggiare con fondi illimitati. Certo è un sogno stupido, essendo impossibile, ma potrei davvero vedere tutto quel che c'è da vedere...e c'è tutto da vedere.
    7) La biologia e la medicina, sogno di studiare medicina e diventare neurochirurgo.
    8)Questo blog e tutte voi :), mi aiutate davvero tanto.
    9)Fare shopping, oh sì, se fosse per me avrei due o tre cose diverse da mettere ogni giorno..vivrei di shopping.
    10)Gli abbracci, io credo che siano la cosa più bella di questo mondo..ti fanno diventare luminosa una giornata tempestosa.

    Ora questi sono i blog a cui lo passo, in ordine casuale, ovviamente:
    1) Dreaming Eating Less (http://eatlessdream.blogspot.com/)
    2) Lovely Self Distruction (http://lovelydestruction.blogspot.com/)
    3)Bitter Sweet (http://bittersweetseventeen.blogspot.com/)
    4) Blue Eyes (http://blue-eyes-alaska.blogspot.com/)
    5)I need direction to perfection (http://solotheverde.blogspot.com/)
    6)In Wonderland (http://alice-alinwonderland.blogspot.com/)
    7) Stay Strong! (http://esterinastaystrong.blogspot.com/)
    8) Una ragazza interrotta (http://susannainterrupted.blogspot.com/)
    9) Alex Cambia Pelle (http://mustbeskinny-notgoodenough.blogspot.com/)
    10) A complete car crash (http://acompletecaracrash.blogspot.com/)

    Ecco qui =)
    Un abbraccio,
    L.

    mercoledì 13 ottobre 2010

    ~28. Sometimes it happens.

    A volte succede.
    Cosa?
    Un giorno così, di quelli che vanno leggermente meglio e ti fanno sperare.
    Si, sperare.
    Che un giorno potrà andare meglio, che forse non sei totalmente perduta, che lì fuori c'è qualcosa anche per te.
    Oggi sono stata dal nutrizionista.
    E ha detto..che HO PERSO PESO!
    Hopersopesohopersopesohopersopesohopersopesohopersopesohopersopesohopersopesohopersopesohopersopesohopersopesohopersopeso.
    HO PERSO PESO.
    Ed ero andata lì con una nuvola temporalesca che fluttuava sulla mia testa, convinta, dopo l'ennesima abbuffata, che sarei ingrassata di almeno 1 chilo.
    E invece...non mi capacito di come ho fatto a perdere peso, davvero. Ho mangiato tantissimo ._.
    Ora mi ha dato una dieta:la mattina colazione con un po' di cereali, latte e cioccolato. A pranzo un piatto di pasta, un pochino di pane e verdure. A cena un secondo con un contorno, un pochino  di pane e della frutta.
    Devo solo impegnarmi a seguirlo, e dimagrirò...ce la posso fare!!
    Solo ora l'angoscia ricomincia a strisciare nel mio petto...però ho passato una serata quasi decente, il che rispetto al solito è un miracolo.
    Però prima del nutrizionista...abbuffata e poi mi sono distrutta le gambe con un ago..ne avevo troppo bisogno, quasi cadevo correndo a prendere quel dannato ago.
    Ma forse domani andrà meglio..o forse continuo ad illudermi.
    Non lo so..vorrei quasi che non arrivasse domani, vorrei rimanere in questo limbo di stasera, quasi bene, quasi male, perchè sono certa che domani sarà peggio di adesso, come peggio era prima di adesso..
    Non riesco a scrivere granchè, sono in uno stato mentale troppo strano.
    Ma quasi decente..quasi decente.
    Un abbraccio forte,
    L.

    martedì 12 ottobre 2010

    ~27. All I can do is keep breathing.

    Tutto quello che posso fare è continuare a respirare..

    E' da ieri pomeriggio che sto male.
    Ma male davvero.
    Ogni respiro è come migliaia di pugnali che si insinuano lentamente nella carne, ogni parola esce con una scia di sangue, e ogni sorriso equivale a una lacrima.
    Lo stomaco me lo sento in gola, e il cuore, quello me lo sento nello stomaco.
    O forse neanche me lo sento più.
    Che senso ha questa sopravvivenza?
    Che senso hanno questo sguardo vacuo, questo viso pallido, queste membra flaccide?
    Sento sempre più forte il bisogno di farmi male. Non sento neanche più lo stimolo di mangiare.
    Sono davvero al limite.
    Mi sento morire..voglio morire, voglio che tutto questo finisca.
    Voglio il nulla, voglio non dover mai più pensare.
    Mai più fingere, mai più parlare, mai più mangiare, mai più..vivere.
    O sopravvivere.
    Cosa sto facendo?
    Dov'è quella ragazzina di 11 anni che voleva fare il chirurgo?
    Quel sogno mi sembra lontano, appartenente a un'altra vita.
    C'è un mostro, dentro di me, che ha divorato quella ragazzina, quella vita, quella piccola perfezione, e ora, al suo posto, c'è un clone cresciuto, disastrato, difettoso.
    Sono difettosa, esatto.
    C'è qualcosa in me che non va.
    Ci deve essere.
    Altrimenti non si spiega perchè io sono così sbagliata.
    Non riesco ad avere una vera amica, non riesco a permettermi di avere un ragazzo, ad avere un rapporto normale con il cibo, a evitare di farmi del male, a sperare in un miglioramento..
    Sono un relitto..e sto affondando nell'oceano, come il Titanic.
    Quando toccherò il fondo?

    Un abbraccio,
    L.